Google AlphaGo


Questa pagina ha una gerarchia - Pagina madre:Altro

Home Forum Altro Google AlphaGo

Questo argomento contiene 2 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Edoardo Manino 2 anni, 7 mesi fa.

Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #9577

    kuket15
    Membro

    Per gli eventuali interessati di reti neurali e non…Google ci stupisce (ancora)

    AlphaGo

    Non ho approfondito, ma sembra un argomento interessante 😀

    #9578

    etognoni
    Membro

    Pare che usino reti neurali, gpu e cpu a pacchi per calcolare, sistema montecarlo stoppato dopo 20 mosse, algoritmo semplificato di valutazione e naturalmente google hardware 😀

    #9580

    Ciao, ho letto l’articolo scientifico che hanno pubblicato e devo dire che hanno fatto proprio un bel lavoro. Dal punto di vista “teorico” non c’è nulla di nuovo, ma hanno messo in piedi un notevole sistema a base di reti neurali profonde. Riassumendo brevemente, AlphaGo si basa su due sistemi di predizione:
    – una rete neurale allenata a predire il risultato della partita data una posizione (molto complessa e lenta)
    – una rete neurale allenata a predire qual è la mossa migliore data una posizione (più semplice e veloce)
    Dopodiché sparano una ricerca montecarlo nella quale i nodi foglia sono valutati mescolando per il 50% la valutazione della prima rete neurale e per il 50% il risultato medio ottenuto giocando la partita fino alla fine con le mosse suggerite dalla seconda rete neurale.
    Il vantaggio della loro implementazione è che i due sistemi predittori sono entrambi molto meglio di ciò che c’è in circolazione ora. Un dettaglio carino è che trattano la posizione come se fosse un’immagine, per cui applicano le reti a convoluzione che aiutano a riconoscere automaticamente trasposizioni e rotazioni del goban. E poi chiaramente hanno fatto le cose in grande: le reti hanno fino a 13 livelli se ho capito bene e hanno parallelizzato il codice in modo estremo tanto che riescono a farlo girare su decine di processori e schede grafiche in parallelo. A questo proposito mi pare che usino le CPU per la ricerca e la simulazione delle partite, mentre le GPU per valutare la prima rete neurale.

Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

© 2018 G 6 Tutti i diritti riservati - Buon divertimento!

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi