This is the end?


Questa pagina ha una gerarchia - Pagina madre:Altro

Home Forum Altro This is the end?

Questo argomento contiene 13 risposte, ha 6 partecipanti, ed è stato aggiornato da Lissandrello Luca Lissandrello Luca 5 anni, 3 mesi fa.

Stai vedendo 14 articoli - dal 1 a 14 (di 14 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #3989
    stegemma
    stegemma
    Moderatore

    Quanti sono ancora attivi nella programmazione scacchistica, in Italia? Ha ancora senso? Per quanto mi riguarda, ho sempre meno tempo da dedicare a questa cosa (ma ne ho sempre avuto poco, non è una novità). Ci sono periodi in cui posso programmare per alcuni giorni di fila e poi mesi di “oblio”. L’ambiente diventa sempre più scoraggiante, la crisi economica mi fa riflettere ogni volta sull’opportunità di perderci tempo… e cerco sempre di fare cose potenzialmente redditizie, sacrificando gli hobby-da-computer. Ho ritrovato finalmente il piacere di giocare di persona, su scacchiere vere e contro avversari veri e con risultati anche superiori alle aspettative, visti i circa 15 anni di inattività. Aggiungiamoci poi che questo lavoro a singhiozzo dà risultati scadenti, con software bacati e destinati inevitabilmente all’ultimo o penultimo posto… e questo contrasta con i miei obiettivi professionali di fare del buon software, che non si pianti e che funzioni bene. Insomma, chi mi conosce solo per la programmazione scacchistica che opinione può farsi di me come programmatore???

    Lascio perdere? This is the end? Magari no, prima o poi rimetterò le mani a Satana ma credo che non sarà tanto probabile.

    #3990

    > Quanti sono ancora attivi nella programmazione scacchistica, in Italia?

    Domanda interessante! Facendo mente locale:

    Marco Costalba (StockFish), Roberto Munther (Vitruvius e altri), Mauro Riccardi (Chexa), Luca Lissandrello (Neurone), Giancarlo Delli Colli (Equinox), Edoardo Manino (ProChess), Marco Giusfredi (Soldat), Alessandro Iavicoli (Serena), Luca Naddei (Uragano), Andrea Farina (Chiron), Matteo D’Annibale (Black Mamba), Luigino Viscione (ECE) e tanti altri, magari “dormienti”, che però compaiono in un blog o nell’altro, in una manifestazione o nell’altra (ad esempio Marco Grella, Marco Belli, ecc.)

    Quanti me ne sono dimenticati? Boh! Sicuramente siamo in una fase di morta rispetto a qualche anno fa, ma periodicamente fa capolino qualche nuovo appassionato. Ah, dimenticavo: non ditelo a nessuno ma stamattina un mio amico mi ha detto “a giugno finisco il corso di informatica e poi provo anch’io a buttare giù un motore”…

     

    #3991
    Lissandrello Luca
    Lissandrello Luca
    Moderatore

    Ciao Stefano,

    anche per me, e per molti programmatori che ho avuto modo di conoscere il tempo che si riesce a ritagliare per la computer chess è veramente poco per un motivo o per un’altro.

    Figurati io programmo al termine di giornate spesso pesanti, 8 ore davanti ai monitor più: 1 ora tra andare e tornare dal lavoro, 2 ore per addormentare Riccardo, 1 ora per giocare con Marina (se possono chiamarsi giochi), 1 ora per alimentarmi e capire cosa sintetizza mia moglie. Quindi normalente 13 ore sono occupate per questo. Quando programmo? Dopo aver riaddormentato Riccardo (si sveglia ultimamente la notte tra le due e le tre); insomma tra io e mia moglie passiamo almeno mezz’ora per riaddormentarlo, poi, bello ribambito mi faccio mezz’ora a corregger gli errori della notte precedente e un’altra mezz’ora per lo sviluppo vero e proprio. Figo! 😀

    Ti capisco e almeno per quanto mi riguarda non ti giudico per i risultati dei tuoi programmi di scacchi (che sono più o meno come i miei), ovviamente, date le premesse.

    Ricordo che in passato giudicavo questo o quell’altro programma di scacchi, spesso solo in base ai risultati, senza capire cosa ci fosse dietro alla programmazione di un chess engine. Ti ricordi? Dissi che Raffaella era mediocre o qualcosa del genere. Tu mi rispondesti correggendomi sul nome e sulle caratteristiche del programma (dovrei ancora avere l’email). Solo quando ho scoperto cosa significa programmare un chess engine ho potuto capire quanto fosse sbagliato il mio giudizio precedente.

    Leggendo i post sui vari forum si evince che solo chi crea il programma più forte è un genio e che gli altri sono tutti degli idioti senza badare a ‘dettagli’ tipo tempo investito, linguaggio di programmazione, origine dei sorgenti e obiettivo del lavoro. Chi ci giudica come programmatori di qualcosa che non si comprende spesso sbaglia nelle valutazioni, non possiamo farci niente.

    Noi siamo un gruppo dove tu rappresenti e rappresenterai comunque il fondatore. Io sono felice di poter dire di essere del gsei; questo è l’unico gruppo in italia dove si fanno i chess engines dalla a alla z, qui si comincia, si impara e si perfeziona l’arte della programmazione scacchistica. Se, proprio qui, non si giudica il lavoro di un ‘collega’ in base ai risultati, un motivo ci sarà. Io penso che sia perché ognuno di noi giudica in base alla competenza delle risposte che vengono date nei vari post dei forum (soprattutto quello yahoo ma anche in tutti gli altri).

    Detto questo penso, come ha detto Edoardo, che siamo ancora in tanti attivi nella programmazione in Italia, solo che è difficile coinvolgerli in manifestazioni; non credo sia un problema di crisi o paure di esser giudicati, secondo me pesa il fatto della semplice mancanza di tempo.

    Bye!

    LL

    #4001

    Ciao a tutti,

    Ti capisco benissimo Stefano, tempo, famiglia, bug, ecc.  Anche io con Soldat ho smesso diverse volte di programmare con pause anche di 4 anni !!! Tutte le volte mi dicevo, non sono in grado di migliorarlo più di così. Ed in effetti passavo qualche mese a modificarlo e non c’era nessun miglioramento. Penso sia come una droga, o meglio come il fumare o il gioco d’azzardo, una mattina ti svegli e hai una grande idea che ti permette di riscrivere tutto il programma e dopo 4 mesi che stai dalle 22,00 all’una di notte ( unico tempo libero disponibile ) , hai un motore 100 punti elo più potente, e non ti importa niente se sei 499° su 500, perchè hai fatto una cosa che ritenevi impossibile e hai superato te stesso.

    E’ un po’ come ritrovarsi la domenica a fare la gara podistica amatoriale e sapere che arriverai tra gli ultimi ma non ti importa perche sai che per te gia’ il partecipare e’ vincere.

    Ora sto’ riscrivendo la IV versione di Soldat,  che non so’ quando sara’ pronta, ma forse altri 100 punti li guadagno. Ho fatto il conto che alla versione XX dovrei essere campione del mondo.

    Un saluto Marco.

    #4007

    Ciao,

    sottoscrivo quanto detto da Edo, Luca e Marco.

    Aggiungo che gli Scacchi sono un gioco particolare, e che ci coinvolge in profondita’ sia che siamo noi a giocare, sia che a giocare siano dei motori da noi creati. C’e’ sempre la difficolta’ di mantenere un equilibrio, una specie di “equidistanza”. Capisco benissimo lo sfogo, perche’ sono sensazioni che provo anche io periodicamente, sia per quanto riguarda la computer chess, sia per quanto riguarda il gioco a tavolino “umano”. Poi mi passa, e riattacco da capo, una specie di “pendolo esistenziale” 🙂

    bye^2,     mr

    #4017

    Alessandro
    Membro

    Confermo anche io quello che è stato detto. Un motore di scacchi è complesso, richiede tantissime energie ed è scoraggiante che un baco mandi all’aria tutto il lavoro fatto in mesi di sacrifici.

    Eppure che con molta pazienza si può scrivere un software stabile e funzionante. E per me la forza di gioco è un aspetto secondario, poco importa se perde sempre: ma se gioca anche una sola partita “umana” allora sarò fiero del tempo speso!

    Sai che anche io ho avuto diversi insuccessi prima di arrivare ad una versione funzionante del mio motore? Eppure, se sono riuscito io puoi farcela anche tu. In bocca al lupo, non abbandonare mai!

    #4019

    Alessandro
    Membro

    PS: Scusate l’off-topic.. Approfitto della conversazione per dirvi che ho appena “rilasciato” la prima versione del mio piccolo motore di gioco! 🙂

    Si accettano suggerimenti!

    #4020
    Lissandrello Luca
    Lissandrello Luca
    Moderatore

    Ma prego! Dicci solo come scaricarlo che nella foga ho cliccato dappertutto, ma non ho beccato il link! 🙂

     

    LL

    #4021

    Alessandro
    Membro

    O.o

    Qui: http://www.alessandroiavicoli.it/download

    In home page c’è il link verso la pagina di Download 🙂 Forse è meglio che la renda più evidente! 🙂

    #4022

    Alessandro
    Membro

    Ah ecco cosa c’era che non andava.. la pagina era programmata ma non pubblicata… Doh!

    #4023
    Lissandrello Luca
    Lissandrello Luca
    Moderatore

    🙂

    Lo provo subito on line.

    LL

    #4025

    Alessandro
    Membro

    Una volta scaricato e compilato, lancia l’eseguibile e inizia a giocare.

    Quando digiti il comando “go”, lui inizia a giocare con il colore che ha il turno.

    Se spulci il sorgente del file principale (adachess.adb) ci sono alcuni comandi che puoi utilizzare durante il gioco che ti servono ad esempio per elencare le mosse disponibili, le catture etc.

    Buon divertimento!

    #4239
    stegemma
    stegemma
    Moderatore

    Non c’entra niente ma ho rediretto http://www.gsei.org su http://www.g-sei.org

     

    #4240
    Lissandrello Luca
    Lissandrello Luca
    Moderatore

    Non c’entra niente, ma ti ringrazio per la fiducia 🙂

     

    Bye!

    LL

Stai vedendo 14 articoli - dal 1 a 14 (di 14 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

© 2018 G 6 Tutti i diritti riservati - Buon divertimento!

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi